Vedere la festa di Sant’Agata con i bambini: i consigli delle mamme di Catania

Visitare la festa di Sant'agata con i bambini

La festa di Sant’Agata è uno di quegli eventi, che la maggior parte dei catanesi, devoti o no, attende con trepidazione. I festeggiamenti si svolgono dal 3 al 5 febbraio. Ogni anno, la città dedica, alla Santa, una festa straordinaria, che coinvolge sia i fedeli che i turisti. Fuochi d’artificio, celebrazioni, candelore e strade affollate.

Ma è possibile vedere la festa di Sant’Agata con i bambini?

bambina alla festa di sant'Agata
Una foto di repertorio: io da bambina alla festa di Sant’Agata

In tutta onestà, ho partecipato alla festa di Sant’Agata, moltissimi anni fa, all’epoca non ero mamma. Sono rimasta colpita dalla celebre salita di San Giuliano e dal canto delle suore Benedettine in via crociferi.

Ma la folla mi ha sempre messo una buona dose d’ansia, quindi mi guardo bene dal stare troppo tempo in luoghi gremiti di gente.

Tuttavia, ho dei bellissimi ricordi legati alla festa di Sant’Agata. Da bambina mio padre mi ci portava sempre (le tradizioni sono importanti, diceva e dice ancora!) La cosa che mi piaceva di più erano le candelore “danzanti”, l’odore della cera per le strade e soprattutto le bancarelle dei dolci! Tra l’altro spesso la festa di Sant’Agata coincide con il Carnevale, quindi per me e mia sorella, era un’occasione per divertirsi insieme a mamma e papà tra le mille luci e colori della città.

I consigli delle mamme per assistere alla festa di Sant’Agata

Foto di Pagina Sant’Agata Facebook

Non avendo ancora portato i miei figli alla festa di Sant’Agata, ho chiesto consiglio alle mamme della mia community: Naturalmente Mamme Sicilia, un gruppo di mamme su Facebook, in cui ci scambiamo informazioni sulle cose da fare in Sicilia (eventi, laboratori, attività all’aria aperta, gite ecc.)

Le mamme sono state straordinarie e mi hanno dato dei consigli a prova di bambini:

Mamma Veronica racconta

Sono devota e seguo la festa di Sant’Agata giorno e notte. Quello che posso consigliare, se si vuole assistere alla festa con i bambini, è di andare di mattina. In questo modo si riesce a vedere la Santa con più tranquillità. In particolare il 4 mattina, intorno le 12.30, nei pressi della stazione.

Mamma Margherita racconta

A me piace farla vedere ai bambini la mattina, con il sole che illumina il viso di Sant’Agata e fa luccicare tutti i gioielli. Ci sono dei tratti di strada poco battuti dai devoti, dove e’ possibile vedere le candelore con tranquillità e, con attenzione, far notare tutti i particolari e la storia che racconta questa splendida festa.

vedere la festa di sant'agata con i bambini
Foto di Pagina Sant’Agata Facebook

Mamma Barbara racconta

Mia mamma mi ci portava sempre, nel tratto che va da via Vittorio Emanuele a piazza dei Martiri. Lì arriva intorno alle 12.00 ed è un momento tranquillo e di poca affluenza. Questo succede il 4 a pranzo quando fa il giro esterno. Da lì fino all’uscita nel pomeriggio dalla Chiesa della Madonna del Carmine è fruibile, perché c’è poca gente. Dall’uscita della Chiesa a poche ore prima, forse è meglio evitare con i bambini.

Mamma Martina racconta

Ho partecipato alla festa di Sant’Agata, con la mia bimba ad un anno e a due anni. Con qualche accorgimento, stando un po’ attenti, è stata una bella esperienza. Assolutamente no in passeggino o tenendola per mano! Col primo rimarresti bloccato per tutta la sera, per mano troppo pericoloso. Io mi sono trovata benissimo con marsupio e fascia. Di giorno la situazione cambia, tutto è più vivibile. 

vedere la festa di sant'agata con i bambini
Foto di Pagina Sant’Agata Facebook

Mamma Jenny racconta

Io ho sempre portato mio figlio anche solo per vedere le candelore. In zona Via Umberto è bellissimo. Ho portato il mio bimbo sempre in fascia, sulla schiena, e se c’è troppa folla lo metto fronte mondo. Con questi piccoli accorgimenti siamo stati bene!

Mamma Francesca racconta

Seguo la festa di Sant’Agata da sempre. Il 3 mattina porto le mie bimbe a vedere le carrozze del senato e le candelore, ma rimango sempre in piazza Università, perché più ti avvicini a piazza Stesicoro più confusione troverai.
Il 4 intorno alle 12, porto le bimbe in piazza dei Martiri, spazio ampio dove c’è confusione, ma gestibile. Oppure si può scegliere di portare i bambini nel tratto che va dalla stazione fino a Piazza Jolanda. Il resto della festa non lo consiglierei per i bambini.

E se non vuoi avere il pensiero di posteggiare l’auto, ti segnalo:

Agata Ticket: per usare la metro tutte le volte che vuoi durante tutti i 4 giorni (dal 3 al 6 febbraio) delle festività agatine al prezzo speciale di € 4,00.
Comprende anche l’utilizzo dei parcheggi Milo e Santa Sofia e del Metro Shuttle.

La metro sarà attiva, con treni ogni 10 minuti e orari estesi: sabato 3 e domenica 4 febbraio fino a mezzanotte e mezza e lunedì 5 fino alle due di notte.
I parcheggi Milo e Santa Sofia e il servizio Metro Shuttle saranno operativi durante gli orari di servizio della Metropolitana.

Agata Ticket è acquistabile presso le stazioni metro di Nesima, Giovanni XXIII, Stesicoro e la biglietteria di Borgo.

Possiamo dire, dunque, che la festa di Sant’Agata, con qualche accorgimento, può essere vissuta anche dalle famiglie con i bambini. Qui il programma completo della festa.

Ringrazio la pagina Facebook Sant’Agata per avermi concesso di pubblicare le loro foto.

Hai altri consigli da aggiungere? Cosa abbiamo dimenticato?

Fammelo sapere nei commenti. E non dimenticare di condividere l’articolo sui social se ti è piaciuto.

Mi trovi anche su Facebook alla pagina ClaireinSicily e su Instagram @claireinsicily per seguire le Stories e le dirette delle nostre gite e i nostri viaggi!

Potrebbe interessarti anche:

Carnevale in Sicilia 2018: pronti per la festa più divertente dell’anno?

Visitare Catania con i bambini: 5 posti da non perdere

logo di claireinsicily blog di viaggi e vacanze in sicilia con i bambini

 

Informazioni su Claire 87 Articoli
Sono Chiara, mamma di due piccoli esploratori classe 2015 e 2013. Racconta-storie siciliane per passione ma con la valigia sempre pronta per vivere nuove avventure all'estero...

5 Commenti

  1. Mi chiamo Maria sono mamma e già pure nonna figlia e nipote di Devoti Agatini. Anch’io x grazia ricevuta indosso il sacco. Ho sempre portato con me i miei figli e una festa sentita e soprattutto xki e devoto, io consiglio chi a bambini piccoli di portarli la mattina fino che arriva in v. Umberto, evitate di portare passeggini se possibile. E non mettetevi in posti stretti. Vi auguro buona festa e W S. AGATA

  2. La mia bisnonna, alla quale ero molto legata, si chiamava Agata e ho divorato questo post che ho trovato molto utile. Mi ha colpito la foto della Santa, di solito hanno tutti i volti sofferenti ma questa S.Agata no. 🙂

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto