Visitare la Riserva dello Zingaro con i bambini: si può, ecco i miei consigli

visitare la riserva dello zingaro con i bambini

La Riserva dello Zingaro è uno dei luoghi più belli e incontaminati della Sicilia. La sua biodiversità, la sua vegetazione mediterranea, le acque trasparenti e i suoi incredibili fondali, attraggono turisti provenienti da tutto il mondo. Ma è possibile visitare la Riserva dello Zingaro con i bambini? Ti racconto la mia esperienza con qualche suggerimento utile per scoprire questo angolo di paradiso in famiglia.

La Riserva dello Zingaro con i bambini: ingressi e itinerari

un bambino davanti l'ingresso della riserva dello zingaro

Innanzitutto è bene sapere che la Riserva dello Zingaro si estende per ben 7 km. Un percorso che si snoda da Castellammare del Golfo (ingresso lato sud) fino a San Vito Lo Capo (ingresso lato nord).

bambino davanti l'ingresso della Riserva dello Zingaro
Ingresso Riserva dello Zingaro lato nord

Durante la nostra vacanza in Sicilia Occidentale, dopo aver trascorso la mattinata a San Vito Lo Capo, puoi leggere il racconto qui: San Vito Lo Capo con i bambini: divertimento tra mare, sole, gelati e aquiloni decidiamo di esplorare la Riserva dello Zingaro (che dista solo 20 minuti da San Vito Lo Capo) nel pomeriggio.

L’accesso da San Vito Lo Capo si trova all’altezza di Calampiso. L’ingresso è a pagamento: 5 € per gli adulti e 3 € per i bambini dagli 11 ai 14 anni e gratis per i bimbi sotto i 10 anni.

Prima di accedere alla riserva c’è un chiosco, ideale per fare rifornimento d’acqua e cibo (dopo non si trova nulla), anche se consiglio di pensarci prima ovviamente.

Itinerari consigliati per visitare la Riserva dello Zingaro con i bambini

visitare la riserva dello zingaro con i bambini itinerario verso scopello

Con una facile passeggiata di 15/20 minuti circa, si accede alla prima caletta, Cala Tonnarella. Il percorso è semplicissimo per i primi 5 minuti, tutto pianeggiante. Successivamente inizia un piccolo dislivello, non troppo impegnativo. I miei bimbi (3 e 5 anni) lo hanno fatto senza alcun problema.

mamma e bambino alla riserva dello zingaro

papà e bambino alla riserva dello zingaro

Mio figlio ha battezzato l’itinerario con il nome “il sentiero degli odori”, e credo abbia trovato il termine giusto. Camminando tra fichi d’india, palme nane e capperi, si è invasi dall’odore del rosmarino e del mirto. Il paesaggio mozzafiato rende piacevole il percorso, ogni pianta, ogni fiore e animale (abbiamo incontrato tante lucertole e farfalle colorate) rappresentano un bellissimo spunto di osservazione e domande.

bambino alla riserva dello zingaro che osserva una pianta

fiore del cappero alla riserva dello zingaro

Arrivati alla prima caletta, ti segnalo anche la presenza di servizi igienici. Da qui puoi decidere se fermarti o proseguire per la seconda caletta, Cala dell’Uzzo. Noi ci siamo fermati, ma semplicemente perché eravamo già stanchi dopo la mattinata trascorsa a San Vito.

Vista alla cala tonnarella

Spiaggia di Cala Tonnarella alla riserva dello Zingaro
Spiaggia di Cala Tonnarella

Probabilmente, dedicando l’intera giornata alla Riserva dello Zingaro, avremmo sicuramente proseguito lungo in percorso. Ma va bene così. Quando si viaggia con i bambini è bene anche riconoscere i propri limiti e cercare di entrare in sintonia con i loro ritmi. Peccato perché sarei arrivata volentieri alla Grotta Preistorica!

indicazioni e percorsi alla riserva dello zingaro

Comunque non ci siamo sbagliati perché abbiamo trascorso un pomeriggio stupendo. A fine maggio l’acqua è ancora fredda, io non ho pensato minimamente di fare il bagno perché sono una tipa “molto freddolina”. I miei bimbi presi dall’entusiasmo si sono tuffati senza grossi problemi.

mamma e bambini alla riserva dello zingaro

Se decidi di accedere, invece, da Scopello ti consiglio di fermarti a Cala Capreria, la prima caletta che si raggiunge attraversando un sentiero di circa 800 metri con dei piccoli dislivelli.

Un post condiviso da Chiara (@claireinsicily) in data:

La Riserva dello Zingaro con i bambini: consigli e accorgimenti

bimbo che gioca alla riserva dello zingaro

Come vedi visitare la Riserva dello Zingaro con i bambini non è impossibile e, sebbene non si riesca a fare tutto il percorso (fino a Scopello sono 2 ore solo andata!), rimane un’esperienza affascinante a stretto contatto con la natura.

Bisogna però adottare qualche accorgimento prima di iniziare il percorso, che faciliterà senz’altro la tua esperienza:

  • Prevedere acqua in abbondanza e cibo a sufficienza
  • Indossare scarpe chiuse, non necessariamente da trekking, ma per favore NO infradito!
  • Viaggiare leggeri possibilmente con uno zaino in spalla per avere le mani libere

visitare la riserva dello zingaro con i bambini-natura

  • Non caricarsi di roba inutile, per una volta i secchielli e le palette possono anche rimanere a casa. I bambini troveranno sicuramente altri spunti per giocare
  • Se prevedi di rimanerci tutto il giorno, sarebbe bene portare un ombrellone perché le zone d’ombra non sono moltissime. Lo so che questa scelta non è in armonia con il paesaggio ma, con i bimbi, l’ombra è necessaria. Puoi scegliere un modello di ombrellone formato mini, sarà più comodo anche portarlo magari legato allo zaino.
  • Scarpette da scoglio consigliatissime, poiché le calette sono un misto tra ciottoli e ghiaia

spiaggia di ciottoli alla riserva dello zingaro

  • Non dimenticare una maschera per esplorare il mondo sottomarino
  • Portare cappellino e crema solare
  • Evitare di incamminarsi nelle ore più calde della giornata.

Spero che la mia esperienza possa esserti utile per scoprire questo splendido angolo di paradiso anche con i tuoi bambini!

La Riserva dello Zingaro con i bambini? Ma certo che sì!

Cosa ne pensi di questo posto? Non credi anche tu che sia unico nel suo genere? Ti aspetto nei commenti!

E se vuoi rimanere sempre aggiornato, per scoprire cosa fare in Sicilia con i bambini, ti invito a seguirmi anche su Facebook e Instagram, dove giornalmente pubblico tante foto, suggerimenti e curiosità sul mondo dei viaggi in Sicilia, ma anche all’estero!

A presto,

Chiara

logo di claireinsicily blog di viaggi e vacanze in sicilia con i bambini

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Dove dormire (e cosa fare) a Erice con bambini: Case Vacanza San Marco

San Vito Lo Capo con i bambini: divertimento tra mare, sole, gelati e aquiloni

Sicilia occidentale con bambini: itinerario tra saline, mare e templi

 

Informazioni su Claire 93 Articoli
Sono Chiara, mamma di due piccoli esploratori classe 2015 e 2013. Racconta-storie siciliane per passione ma con la valigia sempre pronta per vivere nuove avventure all'estero...

10 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto