Itinerario Sicilia Occidentale con bambini: consigli utili per organizzare il viaggio

Stai organizzando un viaggio in Sicilia Occidentale con i tuoi bambini? Sei in cerca di idee su dove dormire, cosa vedere e cosa fare? Ecco un itinerario di una settimana per scoprire le bellezze della Sicilia occidentale on the road e in famiglia.

Con questo itinerario cercherò di darti utili e pratici suggerimenti per organizzare il tuo viaggio in Sicilia Occidentale con i tuoi bambini. Seguendo la descrizione di ogni giornata, troverai i link di riferimento da leggere per approfondire le informazioni di ogni tappa, all’interno di ogni articolo poi, troverai tutto quello che ti serve: cosa fare, dove mangiare, dove dormire ecc.

Tengo a dirti che ogni itinerario è stato vissuto, esplorato, adattato e ideato da me e dalla mia famiglia. Questo è davvero importante, perché credimi ad ogni visita ci metto davvero il cuore per poter poi raccontare tutto ai miei lettori.

Iniziamo allora a pensare alle tue prossime vacanze in Sicilia con i bambini, che ne dici?

Itinerario di 7 giorni in Sicilia Occidentale con bambini: dove arrivare

ala di un aereo, mezzo ideale per visitare la Sicilia con i bambini

Quando si decide di fare un viaggio in Sicilia occidentale, gli aeroporti di arrivo possono essere due: l’Aeroporto di Palermo (consigliato) e l’Aeroporto di Trapani. L’aeroporto di Palermo è senza dubbio quello con il maggior numero di voli in arrivo, mentre  l’aeroporto di Trapani è coperto da poche compagnie aeree: Alitalia, Ryanair, DAT, quest’ultima propone voli da/per l’isola di Pantelleria. Il mio consiglio è quello di noleggiare un’auto per scoprire la Sicilia in assoluta libertà. Altrimenti si può scegliere di arrivare in nave (con automobile al seguito) direttamente su Palermo; si parte da Genova o da Civitavecchia con Grandi Navi Veloci e Snav. Per ulteriori informazioni su come arrivare in Sicilia leggi: Come arrivare in Sicilia.

Itinerario Sicilia Occidentale in famiglia

1° e 2°giorno: Visitare Palermo e dintorni con i bambini

chiosco di bibite a Palermo

Potrai iniziare il tuo itinerario con la visita di Palermo, città il cui centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Città ricca di storia, bellezze artistiche e specialità enogastronomiche. Per visitare Palermo occorrono almeno due giorni, ecco un itinerario a prova di bimbo: Cosa vedere a Palermo con i bambini in un giorno.

E siccome a Palermo c’è sempre un gran fermento, tra gente che frigge, gente che mangia, gente che impasta e gente che assapora, troverai non una ma mille proposte gastronomiche per tutti i tipi di palato.

bambini che mangiano street food a Palermo
Street food palermitano!

Lo street food palermitano è sicuramente uno dei cavalli di battaglia nel panorama della gastronomia siciliana: tra arancine, panelle, cazzilli e pane con la milza (pani ‘cca meusa) avrai solo l’imbarazzo della scelta. Uno dei locali storici della città è l’Antica Focacceria San Francesco, tappa fissa per noi, durante i nostri week-end a Palermo.

In estate non perderti la bellissima spiaggia di Mondello, che, sebbene sia molto caotica, soprattutto nel mese di agosto, è quella più adatta alle famiglie. Servizi, stabilimenti balneari, acque basse e pulite e spiaggia di sabbia fine.

spiaggia di mondello a Palermo, Sicilia

Le escursioni da Palermo

Per evitare di fare e disfare i tuoi bagagli ogni giorno, potresti scegliere di pernottare anche tre notti a Palermo e poi decidere di fare delle escursioni in giornata, a te la scelta.

Da non perdere sicuramente:

Cefalù

barche sulla spiaggia a Cefalù Palermo
Cefalù

Coloratissimo borgo marinaro che dista appena 1h15 da Palermo. Le sue spiagge sono di sabbia e ciottoli. Quelle più importanti sono: Lido di Cefalù, la Spiaggia Salinelle, la Spiaggia Caldura e la Spiaggia Pollina. Ma Cefalù rappresenta anche la porta d’ingresso per visitare il Parco delle Madonie dove potrai fare delle bellissime passeggiate all’aria aperta e trekking anche con i tuoi bimbi.

Piana degli Albanesi

Paesino situato su un altopiano montuoso, che conta poco più di 6.200 abitanti. Centro più importante e noto degli albanesi di Sicilia, nonché il più grande stanziamento arbëreshë (ovvero albanesi d’Italia), dove da secoli risiede la più popolosa comunità albanese della penisola. Piana degli albanesi è famosa anche per la produzione di una squisita ricotta locale con la quale si preparano dei cannoli e degli iris (dolci tipici siciliani) sublimi. In primavera non perderti il Lago di Piana degli albanesi, luogo ideale per un picnic in famiglia.

Per saperne di più leggi: Gita a Piana degli Albanesi: cosa fare e dove mangiare

3° e 4° giorno: Visitare Trapani e dintorni con i bambini

Sebbene io sia catanese, devo ammettere che la zona di Trapani è senza dubbio una delle mie preferite. Le sue coste, a volte alte e frastagliate, a volte basse con sabbia che sembra farina e acque caraibiche, la rendono meta ideale per i viaggi in famiglia. E poi il fascino delle saline, oh le saline quanto le amo! Potrei stare ore ed ore a guardarle e a perdermi tra i colori rosati e quei profumi di ricordi lontani.

Per visitare bene Trapani e dintorni, in un itinerario di una settimana, il mio consiglio è quello di pernottare almeno due notti nei dintorni. Potrai scegliere di pernottare in città, oppure in campagna o meglio al mare se è estate. Qualche consiglio su dove dormire: Casa Vacanze San Marco a Valderice.

bambini che giocano a Erice

Oltre al classico itinerario per visitare la città di Trapani, ti segnalo una chicca che piacerà sicuramente ai tuoi bimbi: si tratta del Museo delle Illusioni di Trapani, un museo in cui non è vietato toccare e dove si può giocare con l’immaginazione e la fantasia. Un’ottima idea in caso di pioggia, non trovi?

Trapani e dintorni: le escursioni consigliate

Erice

Affascinate borgo medievale situato in provincia di Trapani. Sembra essere uscito da un libro di fiabe; si trova a 750 metri di altezza, spesso si cammina attraverso le nuvole talmente si trovi in alto.

Tutti i miei consigli per visitare Erice con i bambini e su dove dormire li trovi qui: Dove dormire (e cosa fare) a Erice con bambini: Case Vacanza San Marco

Castellammare del Golfo, Scopello e Riserva dello Zingaro

famiglia al mare in sicilia con bambini

Borghi antichi, acque cristalline e percorsi naturalistici. Questi sono i miei suggerimenti per queste stupende località:

Vacanza a Castellammare del Golfo e dintorni con i bambini

Visitare la Riserva dello Zingaro con i bambini: si può, ecco i miei consigli

San Vito lo Capo

bambini che giocano sulla spiaggia di san vito lo capo

Rinomata località balneare, le spiagge di San Vito sono conosciute per la loro bellezza. Una delle spiagge siciliane più a misura di bambino- per conoscere le altre leggi: Le 10 migliori spiagge per bambini in Sicilia

Ti segnalo due eventi molto carini che si svolgono a San Vito Lo Capo: Festival degli Aquiloni a maggio e Cous Cous Fest a settembre.

I miei consigli per visitare San Vito Lo Capo con i bambini li trovi qui: San Vito Lo Capo con i bambini: divertimento tra mare, sole, gelati e aquiloni

Le Saline di Trapani 

Le saline di Trapani ti portano indietro nel tempo, ti senti catapultato nella Sicilia dei nostri nonni, ne senti l’odore e percepisci la forte personalità di questa località. Un’attività da fare con i bambini perché durante i periodi di migrazione, con un po’ di fortuna, si possono osservare tanti uccelli come fenicotteri rosa, aironi, cicogne e tanti altri.

Leggi la nostra esperienza: Sicilia occidentale con bambini: itinerario tra saline, mare e templi

Sito Archeologico di Segesta

Potrebbe sembrare una meta non troppo indicata per dei bambini, ma se fornirai gli spunti giusti, curiosi per natura come sono, anche i più piccoli potranno trascorrere almeno due ore davvero piacevoli! Noi l’abbiamo visitato con i nostri bimbi due anni fa, erano piccoli, ma si sono comunque divertiti giocando ai piccoli archeologi-

A Segesta ci sono anche delle stupende e selvagge terme naturali, lo sapevi? Terme di Segesta: un’idea per una giornata green e low cost

5° giorno Selinunte e Agrigento

sito archeologico di Selinunte
Sito archeologico di Selinunte

Spostiamoci adesso verso sud, nella zona che va tra Marsala e Agrigento. La tappa è molto lunga quindi consiglio di spezzare la giornata con qualche escursione. A Marsala ti segnalo le Saline dello Stagnone, un vero spettacolo della natura!

mulini a vento in Sicilia
Saline Isola dello Stagnone

Proseguendo verso Agrigento, potrai fare una sosta per la visita del sito archeologico di Selinunte, l‘area archeologica più grande d’Europa. Un luogo dove mito e leggenda si fondono con la storia e la cultura. In estate consiglio vivamente di visitare il sito archeologico nel pomeriggio a calar del sole, perché di mattina il caldo sarebbe davvero insopportabile e non consigliato quando si hanno bimbi molto piccoli.

Agrigento dista appena 1 ora e 30 da Selinunte, per tale ragione potresti scegliere di dirigerti direttamente lì per il pernottamento o dormire nei dintorni di Selinunte, che vanta la presenza di spiagge meravigliose.

6° giorno Visitare Agrigento e dintorni con i bambini

una famiglia che visita la valle dei templi
La statua di Icaro e il Tempio della Concordia

Non lasciarti condizionare da chi ti dice che ad Agrigento c’è solo la Valle dei Templi e che si visita in qualche ora. La provincia di Agrigento meriterebbe almeno due giorni (ma forse anche di più) per essere vissuta in pieno. Durante il nostro blogtour ad Agrigento, abbiamo provato moltissime esperienze, dalle più classiche come la visita della Valle dei Templi (con una bravissima guida family friendly) alle più curiose come l’esperienza di vivere un giorno da casari in compagnia delle caprette girgentane.

Tutte le nostre esperienze con tutti i consigli per visitare Agrigento con i bambini li trovi qui: Cosa fare ad Agrigento con bambini: la guida completa

colazione al donna franca di agrigento

E se cerchi un posto dove dormire ad Agrigento, con (o senza) bambini, te ne segnalo due:

Dove dormire a Agrigento: Donna Franca ospitalità siciliana

Una giornata in fattoria didattica ad Agrigento: La Fattoria degli Asinelli

7° giorno: Scopriamo l’entroterra siciliano

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ⭐ @alluring_borghi ⭐ (@alluring_borghi) in data:

Per questo ultimo giorno in terra sicula, ti propongo un itinerario alla scoperta dell’entroterra siciliano.

Potrai decidere di dirigerti verso il Borgo di Petralia Soprana, dichiarato Borgo dei Borghi nel 2019 oppure fare una passeggiata naturalistica nel bellissimo Bosco della Ficuzza, situato in provincia di Palermo. Una Riserva Naturale Orientata con una superficie protetta pari a 7.400 ettari, che copre i anche i comuni di Corleone e Monreale.

Per dormire ti consiglio l’Agriturismo al Poggetto, che propone una serie di servizi per le famiglie con bambini (fasciatoio, seggiolone, giochi e libri in dotazione, zaini e passeggini trekking).

8° giorno bye bye Sicily

bambino che gioca con un aquilone a san vito lo capo

È arrivato il momento di rientrare a casa. Dall’Agriturismo Al Poggetto, l’aeroporto di Palermo dista appena 48 km.

Spero che questo itinerario della Sicilia occidentale con bambini possa aiutarti ad organizzare al meglio il tuo viaggio. E, sebbene una settimana non sia davvero sufficiente per scoprire appieno tutte le bellezze dell’isola, sarà abbastanza per innamorartene ne sono sicura!

E se non hai trovato ancora tutte le informazioni che ti servono leggi anche:

Cosa fare in Sicilia con i bambini nella bella stagione

Cosa fare in Sicilia in inverno con i bambini

Desideri altre informazioni? Vuoi un itinerario su misura o un assistenza anche in loco durante il tuo soggiorno? Contattami e insieme organizzeremo il tuo viaggio da sogno!

A presto,

Chiara

Potrebbe interessarti anche:

10 motivi per visitare la Sicilia con i bambini

Come arrivare in Sicilia

logo di claireinsicily blog di viaggi e vacanze in sicilia con i bambini

 

Avatar
Informazioni su Claire 150 Articoli
Sono Chiara, mamma di due piccoli esploratori classe 2015 e 2013. Racconta-storie siciliane per passione ma con la valigia sempre pronta per vivere nuove avventure all'estero...

3 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto